Coniugazione dei verbi giapponesi: una guida per principianti [con grafici!]

Coniugazione dei verbi giapponesi: una guida per principianti [con grafici!]

La coniugazione verbale giapponese può sembrare estremamente intimidatoria per chiunque inizi a imparare il giapponese.

Dopotutto, il giapponese è una delle lingue più difficili da imparare per gli anglofoni. E gran parte di ciò è dovuto a quanto diversi siano i modelli grammaticali.

Ma, in molti modi, il giapponese è più facile da imparare di quanto pensi.

La coniugazione giapponese è facile? Beh, all’inizio è un po’ complicato.

Cosa sapere sulla coniugazione dei verbi giapponesi prima di iniziare

Cosa sapere sulla coniugazione dei verbi giapponesi prima di iniziare

Il positivo è che la grammatica in giapponese è molto coerente.

Ad esempio, in inglese, diciamo “I eat, I eat, I have eat” e il verbo “eat” cambia con ogni forma. Per gli studenti di inglese, questo è complicato e richiede molta memorizzazione delle parole individuali.

Il giapponese non ha questo problema. Hai la radice del verbo e cambi la desinenza in base al tuo significato. Questo è tutto!

Ci sono solo due verbi irregolari in giapponese, e sono così comuni (e anche la loro coniugazione è coerente), che sono facili da imparare.

Quindi, una volta padroneggiate le basi della coniugazione giapponese, il resto diventa molto più facile.

Molti schemi grammaticali hanno regole simili una volta che conosci la forma presente, passata, negativa e continua nel giapponese formale e informale. Quindi imparare queste 4 coniugazioni ora ti farà risparmiare un sacco di mal di testa in seguito.

A proposito, se non hai ancora imparato a scrivere in giapponese, dai un’occhiata a questo articolo esplicativo per iniziare. Capire come scrivere in giapponese ti aiuterà immensamente a coniugare i verbi giapponesi.

Puoi anche consultare questa guida alla grammatica giapponese e alle particelle giapponesi per ulteriori informazioni sulla struttura della frase giapponese!

Quante sono le coniugazioni dei verbi giapponesi?

Quante sono le coniugazioni dei verbi giapponesi?

Cominciamo con questa grande domanda: quante coniugazioni giapponesi ci sono comunque?

Beh, dipende da come li conti. I verbi cambiano prendendo la radice del verbo e cambiando la desinenza. E in teoria, potresti aggiungere una quantità infinita di cose alla fine dei verbi.

Ma ci sono circa 10-14 coniugazioni di verbi di base e circa 150 modi per coniugare i verbi da lì.

Molti di questi modi per coniugare sono facili una volta imparate le forme base. Quindi non preoccuparti per quel numero così grande. Concentrati prima sulle coniugazioni di base.

In effetti, ora ne tratteremo alcuni.

Come coniugare i verbi giapponesi per principianti

Come coniugare i verbi giapponesi per principianti

Prima di arrivare alle coniugazioni reali, dobbiamo capire come il giapponese categorizza i verbi.

Ci sono 3 gruppi di verbi giapponesi. Loro sono:

Verbi Godan / Verbi U

Verbi Godan / Verbi U

I verbi Godan, o verbi u, sono verbi che terminano con la riga del sillabario hiragana.

Come puoi vedere, i verbi u possono spostarsi attraverso tutte le righe う del grafico hiragana. E quando si coniugano, la “u” può spostarsi nelle altre file di vocali per cambiarne il significato (vedrai come tra un momento!). Ecco perché sono chiamati verbi godan, che significano “verbi di cinque livelli”.

Verbi Ichidan / Verbi Ru

Verbi Ichidan / Verbi Ru

I verbi ichidan, o verbi ru, terminano tutti in る. E per questo si coniugano molto più facilmente dei verbi godan.

Le radici del verbo ichidan rimangono le stesse, non importa quale desinenza le attacchi, quindi la radice rimane sempre in una riga di vocali. Ecco perché sono chiamati verbi ichidan, che significano “verbi di un livello”.

Ora, c’è una parte appiccicosa… A volte, anche i verbi godan (u) possono finire in る.

Per fortuna, ci sono alcuni trucchi per dire quale è quale.

I verbi ichidan finiscono sempre in “iru” o “eru”. Dai un’occhiata alla lista sopra. Tutti finiscono in -eru o -iru.

Se finisce con a, o o u + る, allora è un verbo godan.

Anche ancora, ci sono alcuni verbi godan che terminano in -iru o -eru. Ecco alcuni comuni:

Verbi irregolari

Per fortuna, come ho già detto, ci sono solo due verbi irregolari. E sono così comuni che li padroneggi in pochissimo tempo.

Ora, dovrei notare, ci sono verbi regolari e verbi onorifici che a volte si coniugano irregolarmente. Ma questi verbi non sono conteggiati nel gruppo V3 perché il modello di coniugazione specifico è irregolare, non il verbo stesso.

Coniugazione dei verbi giapponesi: tempo presente, forma masu e forma semplice

Ok ok. Abbiamo imparato tutto sulle categorie dei verbi. Ora… Come si coniugano i verbi al presente in giapponese?

Bene, ci sono due modi: la forma formale masu e la forma semplice casuale.

La forma masu è la forma gentile del giapponese. Lo utilizzerai quando parlerai con estranei, colleghi di lavoro, persone di rango superiore e ogni volta che avrai bisogno di mostrare rispetto e gentilezza.

Diamo un’occhiata a come coniugare le diverse categorie di verbi in verbi in forma masu.

Ora, quando eliminiamo la o la う finali, ci rimane la radice del verbo. Questo è importante. La radice del verbo è ciò a cui aggiungerai per ogni coniugazione giapponese in futuro.

Quindi, per 食べる (taberu), la radice del verbo è tabe. Per 飲む (nomu), è nom, dove la u finale cambia vocale in coniugata. Nel caso della forma masu, cambia in i — nomimasu.

Per quanto riguarda i verbi irregolari, non c’è una regola, ma ce ne sono solo due. Le loro radici verbali diventano quindi shi e k (sì, solo k – a volte è ki ea volte è ko).

Utilizzerai una forma semplice quando parli con familiari o amici, persone del tuo stesso livello o più giovani di te e ogni volta che ti trovi in ​​una situazione casuale.

La forma semplice del tempo presente è in realtà abbastanza carina perché è esattamente ciò che la parola è nel dizionario. In effetti, l’altro nome è la forma del dizionario per questo motivo.

Quindi, non c’è bisogno di coniugazione. Il semplice presente di 食べる è solo , e così via. Quindi, quando impari un verbo nella sua forma non coniugata, hai imparato la forma semplice!

Fatto divertente: non c’è il futuro in giapponese. Giusto. Il tempo presente è usato anche per esprimere il futuro ed è compreso dal contesto. Di solito, la frase include parole come 明日 (ashita), “domani” o 後で (ato de), “dopo”, per indicare il futuro.

Passato: forma formale Mashita e forma semplice Ta

Imparare il passato in forma educata mashita è facile. È esattamente lo stesso della forma masu, tranne per il fatto che hai cambiato la desinenza in ~ました, mashita, per indicare il passato.

Ecco la tabella di coniugazione dei verbi giapponesi per il passato:

Per quanto riguarda ta-form, questa è la semplice coniugazione del verbo al passato. I verbi e i verbi irregolari sono abbastanza facili. Ma i verbi う sono dove dovrai memorizzare alcune regole extra a seconda di quale consonante viene prima della う finale.

Come puoi vedere, coniughi i verbi a seconda del carattere hiragana finale. Questo può rendere la coniugazione di questi verbi un po’ più complicata da memorizzare, ma con la pratica diventa naturale!

Ci sono una manciata di verbi che non coniugano la forma -ta e -te (discussa sotto) esattamente in questo modo. Uno dei più notevoli (e comuni) è 行く (iku, “andare”).

Formazione di verbi negativi in ​​giapponese: Masen, Masen Deshita, Nai e Nakatta

Hai imparato le forme positive presenti e passate. Ora è il momento di imparare le forme negative presenti e passate!

Iniziamo con masu-form. È di nuovo abbastanza semplice: basta aggiungere -masen (presente negativo) o -masen deshita (passato negativo) alla radice del verbo.

Tieni a mente, per rendere la forma negativa passata, hai il verbo principale in forma negativa e il verbo ausiliario です (desu, “essere”) al passato.

Ora diamo un’occhiata a nai e nakatta, le forme negative presenti e passate in parole semplici.

Un paio di note importanti qui. Sebbene sia più facile da coniugare rispetto alla forma ta, ha un’eccezione per i verbi . I verbi che terminano in う come carattere finale cambiano in non あ.

Quindi 買う (kau, “comprare”) diventa かわない, kawanai, invece di かあない, kaanai. Semplicemente non scorre bene. Un altro esempio: 歌う (utau, “cantare”) diventa うたわない, utawanai, non うたあない, utaanai.

La seconda nota è che qui, la radice del verbo di 来る non è き, ki, ma こ, ko.

uff! Ok, hai imparato molto. Abbiamo solo un altro modulo da coprire insieme!

Te-Form in giapponese

Te-form è la coniugazione del verbo giapponese per la forma “-ing”, nota anche come forma continua o presente progressivo.

Ho già scritto una guida approfondita a te-form in giapponese qui, che consiglio di leggere per capire tutte le possibilità con te-form. (Ha molti usi utili!)

Ecco come coniughiamo te-form:

Sì, sfortunatamente quei maledetti verbi う hanno ancora una coniugazione speciale a seconda dell’hiragana finale.

MA! Nota come sono quasi esattamente uguali a ta-form?

La forma Te è coniugata come la forma ta, tranne per il fatto che cambi た, ta, in て, te. Questo è tutto!

Quindi, se hai imparato il passato semplice, la forma te è facile.

Nota: anche qui 行く è irregolare, ma era uguale a ta-form. Diventa 行って, itte, non iite.

Pratica di coniugazione dei verbi giapponesi: provalo!

Ora tocca a te esercitarti. Il modo migliore per farlo è tracciare i diversi modelli di coniugazione per un verbo e metterli in pratica in una frase.

Per fare pratica, prova a creare un tuo grafico coniugando i verbi seguenti:

Dopo averlo fatto, ricontrolla il tuo lavoro. Una grande risorsa per controllare il tipo di verbo (godan, ichidan, irregolare) è Jisho.org. E Japanese Verb Conjugator è uno strumento utile per verificare se hai coniugato correttamente.

Nozioni di base sulla coniugazione dei verbi giapponesi: padroneggiata!

Il tuo cervello sta per esplodere per tutta quella grammatica?

Non preoccuparti. Fai una pausa, libera la mente e poi torna indietro e ripassa di nuovo finché non ce l’hai.

Continua a formulare frasi e a coniugare nuovi verbi che impari. È il modo migliore per padroneggiare velocemente la coniugazione dei verbi giapponesi!

E quando sei pronto, ecco alcuni passaggi successivi che puoi compiere per migliorare il tuo giapponese:

Caitlin Sacasas

Scrittore di contenuti, fluente in 3 mesi

Caitlin è una creatrice di contenuti, istruttrice di fitness, zero perditempo, amante delle lingue e nerd di Star Wars. Scrive su fitness e sostenibilità a Rebel Heart Beauty.

Parla: inglese, giapponese, coreano, spagnolo

Visualizza tutti i messaggi di Caitlin Sacasas

Sources :