Parole sicure: perché la lingua è la tua migliore amica quando viaggi da solo

Parole sicure: perché la lingua è la tua migliore amica quando viaggi da solo

Luglio 5, 2021 0 Di Phenixseo

Questa serie è una serie di aneddoti di prima mano di un’esperta viaggiatrice solista che ha viaggiato in 50 paesi nell’ultimo decennio. Priyanka Juneja sta anche finendo il suo MBA e un Master in Studi Internazionali a Wharton ed è la fondatrice di @hera.travel, una piattaforma per consentire alle donne di viaggiare senza paura.

Se avessi solo un nichelino per il numero di volte in cui mi sono perso durante un viaggio. Grattalo, mi piacerebbe un dollaro alla volta. Potrei anche farne valere la pena. Come qualcuno che ama pianificare, penseresti che ciò accada meno spesso, ma è difficile prepararsi per ogni singolo scenario. La prima volta che sono andato a Buenos Aires, ad esempio, io e un amico abbiamo attraversato la città usando Uber e pensavamo che saremmo stati in grado di trovare di nuovo il WiFi per chiamarne un altro per tornare al nostro Airbnb. Era chiaramente l’ipotesi sbagliata. Dopo un meraviglioso pomeriggio esplorando il centro città, era ora di tornare a casa, quindi abbiamo preso un drink in un posto che aveva un cartello che mostrava con orgoglio che avevano il WiFi. Per fortuna il WiFi non funzionava e ci siamo trovati nel mezzo di una zona che non conoscevamo affatto e si stava facendo buio. Non ci sentivamo a nostro agio nel prendere un taxi dopo il tramonto, quindi stavamo rapidamente esaurendo le opzioni. Normalmente, questo mi provocherebbe un po’ di panico ma, poiché parlo spagnolo, ho potuto parlare con la gente del posto e ho capito che potevamo prendere la metropolitana per tornare dalla nostra parte della città. Uff, crisi evitata.

Mi sento più a mio agio viaggiando in America Latina. Ecco perché:

Quando ero più giovane, la mia scuola aveva un requisito di lingua straniera. Questo era qualcosa che la maggior parte dei bambini non prendeva mai sul serio, ma una volta scelto lo spagnolo mi sono innamorato della lingua. Passavo ore alla settimana dedicandomi ad aggiungere nuove parole al mio vocabolario, studiando le sottili sfumature della grammatica e emozionandomi ogni volta che riuscivo a passare dal pronunciare frasi ai paragrafi. Al college, ho scelto di frequentarlo e ho studiato all’estero a Siviglia, in Spagna. (Se non lo sei stato, devi andare, fidati di me!)

Anche se visitare un luogo di cui non conosci la lingua può essere altrettanto divertente, sapere che posso spostarmi e comunicare mi fa sentire più sicuro quando viaggio.

Imparare lo spagnolo per me è stato molto di più che imparare una nuova lingua. Mi ha insegnato un ritrovato apprezzamento per un’altra cultura e ha acceso la mia voglia di viaggiare. Dopo la Spagna, non vedevo l’ora di esplorare l’America Latina. La regione mi ha incuriosito in modi che non sapevo esistessero e la mia lista dei desideri si stava espandendo all’infinito.

Essere in grado di parlare comodamente lo spagnolo è stato un enorme fattore che ha contribuito al motivo per cui da allora sono stato in otto paesi dell’America Latina e sono desideroso di esplorare di più. Anche se visitare un luogo di cui non conosci la lingua può essere altrettanto divertente, sapere che posso spostarmi e comunicare mi fa sentire più sicuro quando viaggio.

La lingua è un legame importante per la sicurezza durante il viaggio

Avere una discreta conoscenza di una lingua non è importante solo per la tua sicurezza personale quando viaggi, ma anche per la salute e la sicurezza alimentare. Se ti trovi in ​​una situazione di emergenza, è importante sapere come navigare, soprattutto se viaggi da solo. Non sto dicendo che devi essere fluente in tutti i tipi di lingue per viaggiare (anche se sarebbe incredibilmente impressionante), ma vale la pena esaminare le frasi chiave in una lingua. Anche se non li affidi alla memoria e invece li fai trascrivere. C’è la possibilità che tu non ne abbia nemmeno bisogno, ma potrebbe farti sentire più a tuo agio solo sapendo di averli.

Se hai tempo, potresti anche fare una mini immersione prima del viaggio. Dai un’occhiata a Your Plan di Rosetta Stone nel momento in cui prenoti il ​​tuo viaggio. Con questa funzione ottieni un piano curato di 6 settimane e 30 minuti al giorno in base alla tua competenza e alla tua motivazione. Mentre lo fai, vedi se c’è un ristorante di quel paese nella tua città e pratica le basi mentre provi il cibo. Le possibilità sono davvero infinite e ti renderanno ancora più eccitato per il tuo viaggio.

Cosa si può fare per le barriere linguistiche?

Le lingue diverse sono una bella parte del viaggio. Proprio come gustare le nuove spezie della cucina locale, le pennellate di un artista di talento, o girovagare per le strade dai colori sgargianti. Sono sicuramente parte integrante della cultura locale e non vorrai perderti.

Detto questo, le barriere linguistiche possono essere difficili e possono rendere il viaggio un po’ scoraggiante. La missione dietro Hera è aiutare le donne a viaggiare in modo più sicuro e come parte di ciò stiamo curando guide alla sicurezza per destinazione che includono frasi chiave utili. Ad esempio, per Buenos Aires puoi trovare traduzioni in spagnolo di frasi come “Puoi aiutarmi per favore? Mi sono perso” (¿Me ayudas, por favor? Estoy perdida) e “Questo posto è sicuro?” (¿Este lugar es seguro?) (Questo posto è sicuro?)”

Angolo dei viaggiatori professionisti

Angolo dei viaggiatori professionisti

Questa sezione fornisce suggerimenti su come superare le barriere linguistiche.

Rosetta Stone ha un frasario per le lingue più popolari. Usalo per prendere confidenza con le espressioni più importanti, ma non fermarti qui.

Le barriere linguistiche possono essere frustranti, ma non serviranno a nessuno se parli in modo incredibilmente veloce e ripeti sempre la stessa cosa. Diventa creativo. Parla lentamente, usa segnali non verbali, disegna qualcosa, prova una dizione diversa, ecc.

Accetta il fatto che non avrai sempre il servizio e pianificalo. Con Rosetta Stone puoi scaricare contenuti specifici (per risparmiare più spazio per le foto).

Se hai un problema di salute/restrizione dietetica, fai scrivere il problema specifico nella lingua prima del viaggio in modo da poter mostrare alle persone la tessera. Sono vegetariano e avevo una carta che lo diceva quando sono andato in Corea del Sud, e questo è stato un vero toccasana

Articoli consigliati:

Sources :