Slang tedesco: perché “Sau” Hog Conversations?

Slang tedesco: perché “Sau” Hog Conversations?

Luglio 5, 2021 0 Di Phenixseo

Il tedesco è noto per essere una lingua molto precisa, ottima per la filosofia e l’ingegneria, ma non lasciarti ingannare; può anche essere coloritamente idiomatico. Come abbiamo visto in altri video tedeschi, i tedeschi adorano le loro salsicce e molte delle loro prelibatezze di carne sono fatte con carne di maiale.

La prevalenza dei maiali nella cultura e nell’industria tedesca non può essere sopravvalutata, e da nessuna parte è più visibile della loro lingua. Prendi la parola, Sau. Significa letteralmente maiale femmina ma è usato in così tanti altri modi che è bene impararlo presto per evitare fraintendimenti. Vorrai sapere se qualcuno ti sta chiamando maiale in senso buono o no!

La prevalenza dei maiali nella cultura e nell’industria tedesca non può essere sopravvalutata, e da nessuna parte è più visibile della loro lingua.

Sau: il prefisso

Sau: il prefisso

Sau è un prefisso super versatile che puoi aggiungere davanti a un aggettivo o un sostantivo per enfatizzarne il significato. Come la parola super è stata appena usata, Sau può anche essere attaccato a tutti i tipi di altre parole per enfatizzare quanto sia estremo qualcosa. Come dire super o way, o totalmente in inglese americano, l’equivalente britannico sarebbe dannatamente o maledettamente.

Quando usare Sau

Tieni presente che questo è un linguaggio molto informale e dovresti provare queste frasi con gli amici prima di parlare con il tuo capo in questo modo. Ho sentito persone anziane (lo so, l’età è solo un numero!) – anche sopra i 50 anni – usare questo slang, ma non lo farei quando parlo con Oma (nonna) o con qualcuno che non conosco già.

La prima volta che ho sentito la parola Sau è stato probabilmente al liceo durante uno scambio a Berlino. Anche il mio padrone di casa amava la sua salsiccia ed esclamava: Saulecker! per dire super delizioso, all’ora di pranzo mentre scavava nel suo piatto colmo di salsicce e patate bollite.

Puoi combinare alcuni vocaboli e parole di base che hai imparato per creare variazioni dal suono nativo:

saubillig – Incredibilmente economicosaugut – Incredibilmente buono

Ma più spesso, Sau è usato per enfatizzare un’esperienza negativa, come sauschwer – molto duro, o saukalt – molto freddo, o la cosa/persona più stupida e stupida di sempre: saublöd.

Kein Schwein

Kein Schwein

Kein Schwein significa nessuno e può essere usato per enfatizzare in un’affermazione generale, come Kein Schwein kann das lesen! – Nessuno può leggerlo!

Le origini di questo detto, secondo la leggenda, risalgono al tardo medioevo. Delle poche persone alfabetizzate a quei tempi, alcuni guadagnavano soldi come scrivani e lettori. Così, una famiglia vicino alla città settentrionale di Schleswig chiamata Swien possedeva queste capacità di lettura e scrittura e svolgeva servizi di lettura per la gente della zona. Se a uno svizzero veniva presentato un documento illeggibile, il cliente doveva andarsene di nuovo, perché nemmeno uno svizzero poteva leggerlo.

L’altra versione della storia è che l’espressione si riferisce a Peter Swyn (1480-1537), un uomo istruito di Lunden/Dithmarschen che spesso agiva come consulente legale e scrivano. Quindi la frase simile, “Anche Peter Swyn non può leggerlo = nessun maiale può leggerlo”. Qualunque sia l’etimo, l’espressione è comune e ha dei paralleli, come “Kein Schwein ruft mich an!” che significa “Nessuno mi chiama mai!”

L’altro giorno qualcuno mi ha davvero telefonato di punto in bianco – in questi giorni, su Zoom è tutto prestabilito, giusto? – la sorpresa nella mia voce era inconfondibile. Mi sono ritrovato a dire, a titolo di spiegazione, Kein Schwein ruft mich an! È inteso in un modo un po’ di autocommiserazione. Stavo canalizzando la prima riga della canzone con lo stesso nome scritta ed eseguita dal famoso cantante tedesco Max Raabe. È tra i suoi titoli più noti nello stile degli anni ’20 e ’30, i cui testi e arrangiamenti ricordano le canzoni jazz e swing di gruppi di armonia maschile negli anni tra le due guerre a Berlino.

Oink – Altri idiomi sui maiali

Ma la parola per maiale, das Schwein (maiale), o die Sau (maiale femmina, in particolare una scrofa), è usata anche in molti altri idiomi in tedesco. Ad esempio, se hai appena avuto un colpo di fortuna, potresti dire, Schwein gehabt. Hai “avuto” un maiale. Se dura un po’, sei un Glücksschwein. Un maiale “felice”. Se la tua fortuna è della cattiva varietà, saresti un arme Sau. Un maiale triste o povero.

Durante il mio primo anno in Germania, ero confuso quando ho visto piccoli maialini di marzapane, alcuni vestiti di verde o con in mano un quadrifoglio ovunque durante le festività natalizie. Poi ne ho ricevuto uno in regalo a Capodanno! Si scopre che questa è un’altra tradizione tedesca, regalare a qualcuno un Glücksschwein fatto con la famosa confezione di mandorle, per augurare loro buona fortuna per il nuovo anno.

Tuttavia, non si ferma qui. Se sei quello che non va abbastanza veloce in autostrada, un autista dietro di te potrebbe chiamarti un dumme Sau. Se tendi ad essere disordinato, potrebbero chiamarti Ferkel, che è un maiale. Quindi fai del tuo meglio per rimanere ordinato e sarai felice, anche un vero Glücksschwein!

Ci sono anche alcuni usi meno felici per la parola Sau, che si spera non dovrai sentire molto spesso:

Das war echt unter aller Sau – Sehr scheiße, molto cattivo o schifoso [letteralmente: questo era davvero sotto tutti i maiali]

Anche questo è un colloquialismo un po’ volgare, quindi usalo con cautela.

Das interessiert doch keine Sau! – A nessuno importa o è interessato [letteralmente: nemmeno un maiale è interessato]

Fresco e sexy

Diciamo che stai per uscire con i giovani e vuoi fare amicizia velocemente; è una buona idea capire cosa viene detto. Se cogli alcune di queste parole chiave che abbiamo trattato, puoi capire in quale direzione generale sta andando la conversazione. Puoi anche contribuire con le tue frasi interessanti per sembrare un nativo, e quest’ultima parola gergale comune è sau wichtig – super importante!

Questa parola gergale comune è geil, che significa fantastico o fantastico. Letteralmente significa anche sexy e/o arrapato, e può essere usato per esprimerlo, quindi dovrai stare molto attento in quale contesto lanci questa frase. È più spesso usato dai giovani per significare cool, ma è compreso dai tedeschi di tutte le età. Da oggi può essere utilizzato anche abbinato a Sau! Sì, allora significa, hai indovinato, super cool.

saugeil – Follemente cool, super cool, assolutamente cool

Un maiale finale

Ora, probabilmente non troverai queste frasi in nessun testo dei filosofi tedeschi Nietzsche, Hegel o Heidegger, o degli ingegneri Porsche, Benz o Diesel (sì, tutte queste parole sono nate come cognomi di tedeschi!) stai cercando di diventare fluente con un po’ di Umgangssprache – colloquialismi, in tedesco, quindi prova a lanciare un geil o anche un saugeil! Avanti, ragazza, muori Sau raus!

Die Sau rauslassen – Questa espressione tedesca si traduce letteralmente come “lasciare uscire la scrofa (maiale femmina)” e, a seconda di chi sei, può essere tradotta come “per urlare”, “sciogliere i capelli” o ” per lasciar andare tutto” – fondamentalmente, fare festa duramente.

Bei der Party heute lassen sie so richtig die Sau raus. – Oggi impazziranno davvero alla festa.

Sii consapevole che questa frase porta con sé una connotazione di dare un fastidio pubblico a se stessi … proprio come farebbe un maiale in libertà.

Il gruppo rap/hip hop berlinese K.I.Z. ha una canzone chiamata “Lass die Sau raus”, i cui testi descrivono il significato della frase in vari modi. Puoi cercarlo da solo 😉 Quindi, ora sei ben attrezzato per avere una conversazione in tedesco disseminata di metafore di maiale, condita con vocaboli di maiale, e parlerai tedesco con più sicurezza ogni giorno. Prima di tutto, prendi nota del tuo pubblico per scegliere il giusto livello di formalità. Altrimenti, non preoccuparti di commettere errori nell’esercitare le tue abilità linguistiche—es interessiert doch kein Schwein!

Articoli consigliati:

Sources :