Tornata in classe, anche in Francia scoppia la polemica: i sindacati si preparano allo sciopero generale

Tornata in classe, anche in Francia scoppia la polemica: i sindacati si preparano allo sciopero generale

Non solo in Italia. L’apertura delle scuole e la gestione della pandemia hanno generato problemi anche in Francia, dove insegnanti e personale scolastico hanno annunciato uno sciopero generale contro il protocollo del ministero dell’Istruzione, che regola il rientro in aula.

«Un pasticcio indescrivibile», si legge nella denuncia del sindacato SNUIPP, si legge su Il Fatto Quotidiano.

Una polemica ha stabilito modalità di rientro in classe e presenza: in caso di contatto con un positivo, gli studenti devono farsi un tampone lo stesso giorno e poi altri due (dopo 2 e 4 giorni) per monitorare il loro stato di salute. Un sistema che rende molto difficile per il personale scolastico e per i rappresentanti dei genitori la gestione quotidiana della scuola e che, per così dire, dovrebbe essere “agevolato”.

Ma non è tutto: secondo la portavoce sindacale Guislaine David in Europa1, “il ministro dell’Istruzione sta minimizzando i problemi”. Secondo il primo sindacato delle scuole primarie, la SNUipp-FSU, circa il 75% degli insegnanti parteciperà alla protesta e la metà delle scuole sarà chiusa.

Nel frattempo, il ministro dell’Istruzione Blanquer ha fornito gli ultimi dati durante un’intervista a Bfmtv e ha risposto ai sindacati dicendo “non scioperate contro il virus”.

In Francia sono state chiuse 10mila classi per casi di Covid-19, mentre nel mondo scolastico sono stati trovati 50mila positivi.

Per i sindacati, “l’attuale protocollo non solo protegge gli studenti, il personale e le loro famiglie, ma rende la gestione scolastica ancora più disorganizzata”, ha ulteriormente parlato la SNUipp-FSU all’agenzia AFP. Secondo i rappresentanti sindacali, il nuovo piano pensionistico è rivolto ai dipendenti meno retribuiti, lasciando i dipendenti più retribuiti a godere degli stessi benefici di prima.

Infine, c’è anche in Francia il problema dell’assenteismo, che a quanto pare sembra già essere su un livello più importante: “la mancata sostituzione degli insegnanti malati, che non è sostenibile”.

Sources :